Istopatologia di radici di Olivo infestate da Rotylenchulus macrodoratus Dasgupta, Raski et Sher

  • N. Vovlas
  • R. N. Inserra

Abstract

Le alterazioni istopatologiche causate dalle specie del genere Rotylenchulus Lindford et Oliveira, 1940, sui lora ospiti non sono molto conosciute. Solo quelle causate da R. reniformis Lindford et Oliveira so no state studiate approfonditamente su alcune pi ante erbacee. E statu accertato che questa specie si fissa con l'estremita della sua porzione cefalica esclusivamente su una cellula dell'endodermide 0 del periciclo, la quale si ingrossa assieme aIle cellule adiacenti, formando un sincizio (Cohn, 1973; Carter, 1974; Heald, 1975; Oteifa, 1970; Rebois et al., 1975). Recenti studi effettuati da Cohn, 1976 e da Cohn e Mordechai, 1976 utilizzando piante di Quercia (Quercus calliprinos Webb.) e dt Soia (Glycine max L.), hanno messo in evidenza che anche R. macrodoratus Dasgupta, Raski et Sher si nutre a spese delle cellule dell'endodermide e del periciclo, rna a differenza di R. reniformis, esso determina la formazione di una ben definita struttura, costituita da una cellula ipertrofica, con nucleo dilatato e citoplasma molto denso, la quale, a volte, occupa sino ad un quinto del cilindra centrale, "isto in sezione trasversale. Tenuto con to della vasta diffusione di R. macrodoratus negli oliveti italiani (Inserra et al., 1975), si e ritenuto utile effettuare degli studi sulle alterazioni istopatologiche che questa fitofago induce in radici capillari di Olivo (Olea europaea L.).
Published
1976-12-15
Section
Articles